domenica 25 agosto 2013

La saga delle galline continua

Ciao a tutti! Vi ricordate delle mie belle pollastrelle? Ne avevo parlato qui e qui. Ebbene, dato che l'argomento polle vi era piaciuto, mi pare doveroso darvi qualche ragguaglio sulla situazione attuale. Ahimè, purtroppo, dopo poco che era con noi, la gallina Berta ci ha lasciato. Improvvisamente, lei che era la più cicciotta, ha smesso di mangiare; a nulla sono valse le cure di mio suocero e della nonna del Pupo mio marito: Berta non ce l'ha fatta. Col senno di poi, posso dire che era sempre stata un po' strana rispetto alle altre: se ne stava sempre in disparte e, quando si trattava di mangiare, diventava a volte aggressiva nei confronti delle sue coinquiline. E quindi ora ci rimangono Reginetta, Brunilde e Coda Nera, che a quanto pare godono di ottima salute e sono assai simpatiche.


Ora fanno le uova tutte e tre, le brave pollastrine!
Inutile dirvi quanto sono buone le loro ovette. 


Ovviamente, io e il Pupo, da bravi «genitori», sappiamo riconoscere perfettamente di chi è ogni uovo: quello grande e scuro è di Reginetta, quello piccolo e rosa è di Brunilde e quello pallido e picchiettato è di Coda Nera.


Siccome siamo un po' strani, io e il Pupo abbiamo deciso di tenere il conto di quante uova depongono alla settimana, in modo da avere il quadro della situazione, anche per capire com'è l'andamento della produzione a seconda delle stagioni.
Così mi sono armata di cornice Ikea da quattro soldi, fimo, programma grafico (xPress) e stampante, e ho creato questo quadretto, dove segnamo il numero di uova della giornata.
Vi piace? Non è niente di che, però è simpatico... e utile!
(Come potete notare, non proprio tutti i giorni le polle fanno le uova...)
Ciao!


15 commenti:

  1. hai realizzato una cornice bellissima. buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Arriva sempre un momento in cui quelle cornici Ikea un po' squallidine servono a qualcosa ;) Ciao!

      Elimina
  2. waaaa, ma sei grandissima!! :D Guarda, se mia nonna fosse meno avversa alle novità le farei una cosa del genere (ma non credo che mi riuscirebbe!), le uova affrittellate di fimo sono uno spettacolo! Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmm, puoi sempre provarci... Magari scopri un aspetto di tua nonna che non conoscevi, eh eh eh! Comunque grazie, sono contenta che ti siano piaciute le ovette al tegamino; ma guarda, è davvero facile farle. Ciao!

      Elimina
  3. Geniale il l'idea del quadretto per segnare il numero di uova della giornata . Oltre che bellissimo . Mi piacciono anche i nomi che avete dato alle vostre cocche ....e mi dispiace per Berta :-( ... poverina.... . Che bello questo post , mette allegria !!! Ciao Laura ,buon inizio settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che questo post ti sia piaciuto. Io ho appena letto il tuo ;) Buona settimana anche a te!

      Elimina
  4. ma che bel quadretto di uova, troppo carino!!!bacioni simona

    RispondiElimina
  5. Che idea simpaticissimaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!
    Sei davvero creativa a tutto tondo!!!
    Kissssssssssssssssssssssssssssssssss

    RispondiElimina
  6. Favolosa la cornice!!! Idea bellissima e realizzata davvero bene, brava Laura!! Sai che, nonostante io abiti in campagna, non ho mai avuto polli e non sapevo che le uova si riconoscessero così bene, addirittura sapendo da chi provengono? E' una cosa che mi ha colpita molto! Brave le tue polle!!!

    RispondiElimina
  7. E' bello raccogliere i frutti (le uova)
    Bella lavagnetta
    ciao Giuliana

    RispondiElimina
  8. che bellissima idea, quadretto troppo simpatico e originale :) brava!!

    RispondiElimina
  9. Ho anch'io quattro galline, ormai vecchiette, avevo sempre scritto la data in cui deponevano l'uovo con la matita sul guscio, per sapere quali erano più fresche, ma l'idea della lavagnetta è molto molto carina. Ciao, Anna.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...