lunedì 24 aprile 2017

London calling
Londra – primo giorno

Bentrovati a tutti, cari amici lettori!

Oggi voglio inaugurare una serie di post per raccontarvi della mia vacanzina a Londra. Ovviamente, un post solo non potrebbe bastare, anche se sono stata nella capitale britannica per poco. Ma in quei due giorni interi più un pomeriggio e una mattina ho vista davvero un sacco di cose. Era la mia prima volta a Londra, così, un bel po' di tempo prima di partire, mi sono preparata vari itinerari giornalieri, che ho strutturato in questo modo:

• Primo giorno (pomeriggio): City
• Secondo giorno (intero): West End
• Terzo giorno (intero): Hyde Park; Kensington; Notthing Hill
• Quarto giorno (mattinata): South Bank



All'interno di ogni giornata ho pianificato le cose più interessanti da vedere, ma solo da fuori, perché avendo così poco tempo a disposizione non mi è parso il caso di perdere delle ore nelle visite a musei e chiese (sarà per un'altra volta...).
Per la pianificazione mi sono basata sulla guida Londra di Lonely Planet-Edt, sia nella versione lunga sia in quella pocket – di cui fra l'altro ho corretto le bozze, dato che lavoro per questo editore.


Era un sacco di tempo che volevo andare a Londra, ma fra una cosa e l'altra ho sempre rimandato. Poi, però, il settembre dell'anno scorso ho saputo che la mia amata rock band The Who avrebbe suonato l'opera rock Tommy per intero niente meno che alla Royal Albert Hall tra fine marzo e inizio aprile del 2017. Così ho colto l'occasione per spiccare il volo verso Londra!
Già che c'eravamo, io e il Pupo abbiamo anche comprato i biglietti per The Phantom of the Opera, il magnifico musical di Andrew Lloyd Webber, che viene messo in scena sei giorni su sette tutto l'anno allo Her Majesty Theatre.
Abbiamo poi prenotato un hotel della catena Premier Inn, situato in ottima posizione, a 10 minuti a piedi dalla Tower of London e dal Tower Bridge e vicinissimo alla stazione della metropolitana Aldgate East. Ma vi parlerò dell'hotel in un altro post.

Ma ora iniziamo la nostra gita a Londra, partendo ovviamente dal primo giorno.
Fra volo e spostamento dall'aeroporto di Stansted all'hotel, sistemazione in camera e cambio di abiti, il nostro pomeriggio è cominciato alle 15 circa.
Prima tappa dell'itinerario, visto che eravamo a due passi, doveva essere la Tower of London. Ma poi, come tipico dei Pupi, abbiamo fatto una piccola deviazione subito a est, dove abbiamo scoperto un delizioso porto sul Tamigi: i St Katharine Docks.


Da lì, in due passi abbiamo raggiunto la Tower of London.


In queste foto si vede la Tower con sullo sfondo la City.  


Si possono notare alcuni grattacieli che ormai formano lo skyline di Londra: da sinistra, il Walkie Talkie, il Cheese Grater (Leadenhall Building) e l'iconico Gherkin (quello a forma di «cetriolo», per l'appunto).


Non avevamo ancora pranzato, così ci siamo fiondati in un Pret a Manger, una catena di negozi che vendono panini in stile francese, insalate, viennoiserie, smoothie, succhi, caffè e così via, da mangiare e bere sul posto o da portar via. Di questi Pret a Manger ce n'è a dozzine, a Londra: una bella comodità, perché costano poco e sono buoni. Rifocillati, ci siamo rimessi in marcia verso ovest lungo Cannon Street, una bella strada con palazzi maestosi, che corre parallela al Tamigi.






Cannon St è davvero una strada trafficata: auto (per lo più taxi), autobus rossi a due piani, ma anche biciclette e pedoni, che camminano velocissimi. In effetti, una cosa che ho notato (con sollievo...) è che le donne, anche le più eleganti, in quella zona hanno tutte le sneakers. Comunque, per togliersi dal traffico, basta deviare di un paio d'isolati per scoprire angoli tranquilli e silenziosi: una bella residenza, il giardinetto di una chiesa...



Nei pressi di Cannon St sorge il Monument, una colonna alta 60 metri che ricorda il Grande Incendio di Londra del 1666, che praticamente rase al suolo la città. Infatti, quella che oggi appare come una zona ipermoderna, il quartiere degli affari, dei grattacieli e degli edifici avveniristici, cioè la City, corrisponde in realtà a quella che era la vecchia Londra: in passato, Londra era la City!


Continuando su Cannon St si arriva alla Cattedrale di Saint Paul, che non ha bisogno di presentazioni.


Superata di poco la cattedrale, abbiamo svoltato a destra in Old Bailey Street e siamo andati verso nord fino allo Smithfield Market, il mercato della carne, aperto dalle 2 di notte alle 10 del mattino. E' un mercato storico: Dickens in Grandi speranze ne parla come di un posto infernale, lercio e malsano (come doveva essere gran parte della città in qull'epoca, a dire il vero...). Noi l'abbiamo attraversato quando era ormai chiuso, e di certo non è più come doveva essere in epoca vittoriana – però abbiamo visto un topolino che si aggirava furtivo sotto le arcate in ferro battuto colorato!

Attraversato il mercato, abbiamo cominciato a zigzagare un po' «a naso» nella City dei grattacieli, andando verso est, in modo da fare ritorno al nostro hotel. La cosa bella della City è la sua commistione di edifici avveniristici, torri scintillanti di vetro, ma anche chiesette in rovina, vecchi pub e angolini inaspettati. Come il Leadenhall Market, che non è più un mercato coperto, bensì un'elegante galleria in ferro e vetro con negozi e pub, risalente all'Ottocento. Compare anche nei film di Harry Potter!




La City è strana... Ha edifici altissimi, ma le strade sono piuttosto strette, per cui dà un senso di vertigine, ha un che di claustrofobico, e decisamente un grande fascino.

Qui sotto, a sinistra, l'edificio dei Lloyd's of London, di Richard Rogers. 



Il Gherkin (30 St Mary Axe), l'iconico grattacielo progettato da Norman Foster.


Come dicevo, in mezzo a questa foresta di grattacieli ci sono angoli antichi, spazi più ariosi, e soprattutto invitanti pub. Quando siamo passati da quelle parti, erano le cinque e mezzo circa, e i pub erano presi d'assalto dagli impiegati della City, che, usciti dagli uffici, con i loro abiti eleganti e formali si scolavano pinte di birra degne di un lupo di mare! Un altro dei bei contrasti di Londra...




E così, ancora due passi, e siamo tornati al nostro hotel, che si trova nella parte est della City. Abbiamo cenato in albergo; io ho preso (c'è forse bisogno di dirlo?) un fish and chips, niente male davvero, e ho assaggiato una birra inglese che non mi è spiaciuta, anche se sono una fan delle birre tedesche, in particolare le weiss. Così, stanchi ma soddisfatti e con la pancia piena, abbiamo concluso il nostro primo giorno londinese.

Al prossimo post, con il secondo giorno: maratona-West End!

7 commenti:

  1. Le foto sono splendide e rendono in pieno le meraviglie di questa città !!!
    Un caro saluto
    Flora

    RispondiElimina
  2. bellissime foto e bella vacanza...

    RispondiElimina
  3. ciao
    una vacanza super e belle fotografie.

    RispondiElimina
  4. Complimenti per le bellissime foto! sono stata a Londra anni fa...ma di corsa perchè ero di passaggio...prima o poi dovrò tornarci mi hai fatto venire voglia!

    RispondiElimina
  5. Londra è meravigliosa. Grazie per avermi condotta in questa splendida città che visitai anni fa
    Bacioni Alessandra

    RispondiElimina
  6. che foto bellissime!!! in pochi giorni si possono vedere così tante cose a londra :) complimenti, davvero un bel weekend!

    RispondiElimina
  7. Che voglia di tornare a Londra che mi hai fatto venire... Hai fatto bene ad approfittare della vacanza per vedere degli spettacoli, anche io quando ci vado cerco sempre di prendere i biglietti per musical o concerti. La prossima volta che vado mi piacerebbe andare a vedere Trappola per topi, anche quello viene ancora rappresentato ogni sera! Ah dimenticavo, io la city l'ho visitata di domenica pomeriggio, era praticamente deserta e mi ha fatto un po' impressione vederla così!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...