mercoledì 29 luglio 2015

Crostata al rabarbaro


Ciao a tutti!
Come state? Io benone: oggi per me è stato l'ultimo giorno di lavoro in ufficio. Il mio agosto sarà pieno di lavoro lo stesso e non riuscirò ad andare via, ma almeno me ne potrò restare a casa e non mi toccherà più fare oltre tre ore di viaggio per andare e tornare dall'ufficio. Eh sì: abitare in campagna è bellissimo, ma se non si guida può diventare scomodo, anche perché i nostri mezzi pubblici fanno schifo (chi si sposta in treno lo sa bene). Quindi, potendo restare a casa, penso che nei prossimi giorni «bisserò» una torta squisita che ho fatto qualche tempo fa: la crostata al rabarbaro. Conoscete il rabarbaro? E' una bella pianta che fa delle foglione enormi, i cui gambi sono color rosso mattone, come quelli che vedete in foto. In cucina si usano proprio i gambi, che hanno un gusto delizioso, un poco amarognolo, perfetto per i dolci. Purtroppo in Italia il rabarbaro non è molto conosciuto, e io personalmente non l'ho mai visto in vendita nei reparti di frutta e verdura. Però forse non molti sanno che il rabarbaro cresce benissimo in Italia! Basta avere un pezzetto di terra, comprarsi la piantina (io l'ho trovata da Viridea) e il gioco è fatto. In estate avrete una magnifica pianta con cui potrete fare delle delizie come la crostata al rabarbaro. Trovate la ricetta nel magnifico blog Due bionde in cucina, che, oltre a piatti da leccarsi i baffi, ha delle foto stupende.


Ingredienti

Per la base:
250 g di farina
1 cucchiaio di zucchero semolato
1 bustina di lievito vanigliato
180 g di burro freddo a pezzetti
acqua ghiacciata q.b.

Per il ripieno:
380 g di gambi di rabarbaro tagliati a tocchetti
160 g di zucchero di canna
1 cucchiaio di maizena

Inoltre:
1 albume leggermente sbattuto da spennellare
zucchero semolato q.b. da spolverizzare

Nel mixer lavorate farina, zucchero e lievito. Unite il burro e ottenete un composto «sbrisolone». Unite pochissimissima acqua fino a ottenere un impasto che non deve essere appiccicoso. Fatene una palla e avvolgetela in pellicola; riponete in frigo per mezz'ora.
Lavate gli steli del rabarbaro e tagliateli a tocchetti lunghi 2 cm (non si deve spellare). Mescolate i tocchetti con zucchero e maizena.
Riprendete l'impasto e dividetelo in due. Stendetene ogni metà a 3 mm di spessore.
Foderate uno stampo di 24 cm con carta da forno e poi stendeteci sopra una delle due metà d'impasto (potete stendere la pasta direttamente sulla carta da forno che poi metterete nello stampo).
Versateci sopra il composto di rabarbaro.
Con l'apposita rotellina da agnolotti tagliate l'altra metà di impasto in strisce larghe 2 cm e sistematele sul composto in modo da formare dei rombi. Con la pasta avanzata fate una striscia lunga per sigillare il bordo. Spennelate la pasta con l'albume e cospargete lo zucchero semolato.
Cuocete in forno a 160°C per 45 minuti.

7 commenti:

  1. Non ho mai mangiato il rabarbaro, anche perché non l'ho visto nei negozi. La tua crostata deve essere deliziosa !

    RispondiElimina
  2. Ormai i miei hanno la pianta di rabarbaro nell'orto da anni, glie la ho fatta prendere io proprio per farci i dolci...eppure non l'ho mai usato, ahaha! Sono tremenda! Mi ricorderò della tua ricetta l'anno prossimo, ormai le coste sono troppo dure per usarle...

    RispondiElimina
  3. Ciao Laura come và? Se passi dal mio blog troverai una bella sorpresa ;) Ti ho appena nominata nel " Liebster Award " " Tag " http://ilsalottinocreativo.blogspot.it/2015/07/liebest-award-tag.html Spero che troverai un attimino di tempo per partecipare. Grazie

    A presto
    Giusy

    RispondiElimina
  4. Ottima e tanto golosa questa crostata, è da tempo che non uso il rabarbaro, grazie della ricetta!!!!

    RispondiElimina
  5. non ho ,ai visto il rabarbaro...sicuramente ottima la crostata!!goditi le vacanze in tranquillità!!ti capisco pure io abito in camoagna e per andare al lavoro è lunga a volte!!un bacione!!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...