domenica 12 giugno 2011

Le crespelle della nonna

Oggi vi propongo una ricetta che ho «ereditato» dalla mia nonna materna: le crespelle prosciutto e formaggio. Sono un po' lunghe da preparare, perché bisogna cuocere le frittatine una a una, ma si tratta comunque di una ricetta semplice, e il risultato è un piatto che piacerà sicuramente anche ai bambini (io già da piccola ne andavo ghiotta!) e che si può preparare in anticipo di uno-due giorni; le frittatine, poi, si possono cucinare e surgelare. Ma bando alle ciance e veniamo agli...

Ingredienti
(per 24 crespelle):
♦ 250 gr di farina
♦ 4 uova
♦ 6 dl di latte
♦ 1/2 litro di besciamella
♦ 12 fette di prosciutto cotto
♦ formaggio (io uso fontina e asiago)
♦ burro
♦ 2-3 cucchiai di parmigiano grattugiato



In una terrina, mescolate bene la farina, le uova e il latte: 
deve risultare una pastella piuttosto liquida. 

Poi spennellate un tegamino antiaderente con una briciola di burro e scaldatelo sul fuoco. Con un mestolo, versateci una piccola quantità di pastella: non bisogna metterne troppa, perché le frittatine devono essere il più possibile sottili. Stendete la pastella aiutandovi con l'attrezzo da crêpes oppure semplicemente rigirando il tegamino in modo da far colare la pastella fino ai bordi. Per questa operazione, dopo le prime frittatine, quando il tegamino sarà ormai molto caldo, sarà bene imburrarlo e versarci la pastella «a freddo», cioè dopo averlo tolto dal fuoco, altrimenti la pastella si rapprenderà non appena la versate. Tornando alla nostra prima frittatina: quando i bordi si staccano dal tegamino, vuol dire che la si può rivoltare per farla cuocere sull'altro lato: io la lancio in aria (mi diverto tantissimo!), ma se temete di fare disastri potete usare una spatolina (però vi consiglierei di «osare» il lancio in aria: il trucco sta nel non essere «timidi» e prendere un bello slancio come se voleste tirarla mooolto in alto; la soddisfazione è assicurata!). Dopo poco, la frittatina sarà cotta anche sul secondo lato: non è il caso di cuocerla troppo, perché poi bisognerà arrotolarla (quindi deve rimanere elastica e morbida, non secca) e poi andrà in forno, dove continuerà a cuocere.

Ed ecco qua il frutto delle nostre «fatiche» 
(ricordano un po' le frittelle di Paperino, vero?):

A questo punto, preparate mezzo litro di besciamella (oppure usate quella già pronta). Spennellate con poca besciamella ogni frittatina, metteteci sopra mezza fetta di prosciutto cotto e qualche striscetta di formaggio.

A questo punto, partendo dalla striscia di formaggio, arrotolate ben strette le frittatine imbottite e diponetele in una pirofila imburrata; cosparegete le crespelle (a questo punto possiamo chiamarle così...) con poca besciamella (alla fine ve ne avanzerà, ma insisto sul «poca» perché il buono delle crespelle della mia nonna è che non erano mollicce di insipida besciamella, ma, anzi, belle croccanti e gustose) e con il parmigiano grattugiato.

Infornate per mezz'ora e finite con 5-10 minuti di gratinatura. Quando vedrete che le crespelle sono diventate belle dorate (e magari, se vi piace, con le estremità un po' marroncine), potrete sfornarle.
Et voilà!

Queste erano le crespelle come le faceva la mia nonna. Ma c'è anche la mia
variante
Invece del prosciutto cotto + formaggio, fate una crema mescolando ricotta, gorgonzola e un po' di parmigiano grattugiato. Spalmate le frittatine con questo composto e piegatele in quattro, ottenendo uno spicchio, un quarto di cerchio. Poi procedete come indicato sopra: imburrate una pirofila, cospargete di besciamella e parmigiano e infornate.

Buon appetito!


Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...