venerdì 15 aprile 2011

Fragole con panna

L'altro giorno sono andata sul mercato a fare la spesa; compro sempre la frutta e la verdura dai contadini, che vendono prodotti più buoni, a chilometro zero o quasi, con meno pesticidi e schifezze chimiche varie e soprattutto senza i passaggi di mano (produttore, mercati generali, venditore) che fanno gonfiare i prezzi in genere a vantaggio della mafia. Il bello di comprare dai contadini è che puoi trovare solo i prodotti di stagione; so che per molte persone questo è un aspetto negativo, invece secondo me è un gran pregio perché ti dà la possibilità dell'aspettativa. Mi spiego: in autunno, per esempio, è bello aspettare i primi cavoli, le noci e così via, che nei mesi precedenti non c'erano, e poi aspettare che geli per poter acquistare il cardo gobbo e praparare la prima bagna caoda; in estate, aspetti i pomodori e i fagiolini, e pregusti già la prima insalata di fagiolini, pomodori, patate e uova sode. In primavera, invece, non vedi l'ora che arrivino le prime tenere erbette, i rapanelli, le zucchine. E anche se le mele e le pere cominciano a scarseggiare, in aprile arrivano le fragole! E così, l'altro giorno sul mercato ho sentito un profumo delizioso: eccole lì, le prime fragole! Ne ho comprati due bei cestini e la sera le ho preparate con una montagna di panna montata. Se ci fossero tutto l'anno, le fragole, che gusto ci sarebbe?

1 commento:

  1. D'accordo per la verdura e la frutta di stagione acquistate dai contadini: oltre al piacere dell'attesa, dei corsi e ricorsi, della fragranza, si evita di inghiottire porcherie giunte da chissaddove e prodotte da chissacchì e chissaccome. Però, per la panna, bisognerebbe avere una piccola mucca sul balcone.
    Pantagruel

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...